Autore di pubblicazioni
Specie dedicata
Hall of fame
Universitario
Mineral dealer
Presidente di circolo


Tipo di collezione

Estetica
Sistematica
Nazionale
Regionale/topologica
Singola classe o specie
Altro


Dimensione dei campioni

Cabinet
Miniature
Thumbnail
Micromount

Vincenzo Raimondini

Autore: Wikipedia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vincenzo Raimondini (Messina, 1758 – Napoli, 1811) è stato uno scienziato, geologo e mineralogista italiano.

Studiò all'università di Napoli, interessandosi di medicina, chimica, geologia e mineralogia. Nel 1789 Raimondini partì per un viaggio di studi in Germania, Inghilterra e Francia. Fu accompagnato da cinque illustri colleghi: Carmine Antonio Lippi, Giovanni Faicchio, Giuseppe Melograni, Andrea Savaresi e Matteo Tondi. Scopo del viaggio: conoscere le ultime tecniche estrattive, le ultime scoperte sui minerali, tecniche effusive e avvicinarsi sempre più al mondo della metallurgia a livello industriale. Chiamato in Calabria nel 1797 con il collega e amico Andrea Savaresi, per disegnare la carta geologica del regno, venne nominato in seguito primo direttore del Reale Museo Mineralogico di Napoli. Poco dopo diventò ispettore delle Acque e delle Foreste del regno, in particolare del servizio Geologico e di quello Minerario. Raimondini e Giuseppe Melograni furono insegnanti di mineralogia all'università di Napoli. Raimondini ottenne, assieme a Matteo Tondi, la carica di professore di mineralogia nella ristrutturata università di Napoli. Il 13 gennaio del 1810, davanti alla reale Accademia di Napoli, legge una nota sull'Azurlite, minerale di nuova scoperta (successivamente riconosciuto come semplice varietà di calcedonio, e quindi di quarzo), chiamato così in onore del ministro del Regno. Morì a Napoli nel 1811 all'età di cinquantotto anni.