Autore di pubblicazioni
Specie dedicata
Hall of fame
Universitario
Mineral dealer
Presidente di circolo


Tipo di collezione

Estetica
Sistematica
Nazionale
Regionale/topologica
Singola classe o specie
Altro


Dimensione dei campioni

Cabinet
Miniature
Thumbnail
Micromount

Giorgio Marinelli

Autore: cv o biografia da internet

In suo onore è stata denominata la specie Marinellite del gruppo della cancrinite, di formula (Na42Ca6Al36Si36O144(SO4)8Cl2 · 6H2O)


Dal sito dell’Ateneo di Pisa

https://www.sba.unipi.it/it/biblioteche/polo-3/sedi/scienze-naturali-e-ambientali/fondi-speciali-e-antichi/miscellanea-giorgio

Giorgio Marinelli era uomo di cultura e professore universitario. Insofferente alle cariche accademiche, alla morte di Stefano Bonatti fu praticamente costretto ad assumere la direzione dell’Istituto di Mineralogia e Petrografia.

Era un ottimo insegnante di Petrografia e di Geotermia, ma il massimo livello didattico lo raggiungeva nell’insegnamento dell’osservazione delle rocce al microscopio polarizzatore. Dalle Università di Ginevra e di Bruxelles ricevette la laurea honoris causa in Ingegneria mineraria. Importanti onorificenze non le ricevette invece in Italia, perché non era attento ai patteggiamenti del mondo accademico. Nella ricerca scientifica il contributo di Giorgio Marinelli è stato importante e non sufficientemente valorizzato. L’ampiezza culturale e la versatilità scientifiche di Giorgio Marinelli lo portarono a occuparsi anche di problemi di ricerca applicata. Negli ultimi anni di vita il suo interesse principale fu la Geotermia, in cui sviluppò idee e metodi originali per l’esplorazione dei campi geotermici che furono seguite e applicate con successo in molte aree.

Giorgio Marinelli è uno dei padri delle moderne Scienze della Terra in Italia.


Biografia redatta da Roberto Santacroce

https://www.sba.unipi.it/it/risorse/archivio-fotografico/persone-in-archivio/marinelli-giorgio

Il ventotto marzo del 1993, moriva in Pisa, a poco più di settanta anni, Giorgio Marinelli. Sono passati più di quattro anni, ma è facile per me scrivere queste righe perché è tuttora vivissimo il ricordo di quello che Giorgio è stato per le Scienze della Terra, per l’Università di Pisa e per il Dipartimento nel quale egli ha lavorato (ma meglio sarebbe dire “vissuto”) per più di quarant’anni, e nel quale sono tuttora presenti, quasi tangibili, le sue impronte. Giorgio Marinelli era dotato, più che d’ogni altra qualità, d’originalità e non convenzionalità di pensiero. Pur attento, nella sostanza, ai progressi delle discipline di suo interesse (che erano non poche!), non era un topo di biblioteca, e non era raro che, nelle frequenti discussioni, che erano più delle chiacchierate tra amici, intorno alla sua grande scrivania notarile o ad un tavolo di “Buzzino”, i “ragazzi” (Franco Barberi, Mario Di Paola, Fabrizio Innocenti, Roberto Mazzuoli, Nino Merlino, Jacques Varet, io) lo informassero di qualche recente importante sviluppo delle conoscenze nelle Scienze della Terra. Se la cosa gli stuzzicava l’intelletto, egli era capace di prendere al volo l’essenza del problema e di vederne immediatamente gli sviluppi possibili, gli interessi potenziali o le magagne nascoste. Non ci si annoiava a parlare di scienza con Giorgio Marinelli. E si imparava sempre qualcosa, magari sulla storia degli Etruschi, sugli habitat dei Boleti o sull’altezza al garrese dei cavalli da corsa. A Giorgio Marinelli piaceva essere considerato uomo di cultura enciclopedica ed era effettivamente difficile trovarlo spiazzato su qualche argomento. Vi erano occasioni nelle quali qualcuno di noi (i “ragazzi”) si preparava appositamente un qualche argomento strano, che so, la Guerra delle due Rose, per cercare di prenderlo in castagna (avevamo la convinzione che lui si inventasse le cose pur di non ammettere di ignorarle), ma in genere l’operazione non riusciva ed egli era abile a dirottare rapidamente l’argomento verso approdi per lui più sicuri. Giorgio Marinelli odiava le scartoffie e la burocrazia. Non gli ho mai visto scrivere un programma di ricerca o una richiesta di finanziamento. Della cosa si discuteva, si definivano le linee generali, magari le cifre necessarie, ma quando si trattava di compilare moduli, elencare esigenze, recuperare preventivi, lui aveva sempre qualcosa di più importante da fare; “Vedi topo di pensarci tu”, diceva, “io oggi non ho proprio tempo per queste cose”. A Giorgio piaceva essere Professore Universitario (con le maiuscole) “di quelli buoni” (prima cioè dei giudizi di idoneità e dei professori associati), ma egli era insofferente degli obblighi e delle cariche accademiche. Le sedute di Facoltà erano per lui una sofferenza ed una perdita di tempo. Nella sua vita non ha mai fatto parte di alcuna Commissione di Ateneo, di Facoltà o di Corso di Laurea, ed era capace di andare fuori della grazia di Dio ogniqualvolta qualcuno, inopportunamente!, si azzardava a proporlo per un qualche incarico ufficiale. Alla morte di Stefano Bonatti fu costretto ad assumere la direzione dell’Istituto di Mineralogia e Petrografia (era l’unico ordinario allora presente), direzione che mantenne per quasi dieci anni sbuffando ad ogni firma da fare e demandando tutto quello che poteva demandare a chiunque potesse essere demandato. Giorgio Marinelli non era sposato ed i rapporti con i parenti non erano frequenti. La sua vita e la sua famiglia erano il suo lavoro, il suo istituto, i suoi amici (ne aveva pochi ma veri), forse i suoi “ragazzi”.

Alle Scienze della Terra Giorgio Marinelli ha, in effetti, dato molto. Egli era certamente un ottimo insegnante, con un’innata capacità di interessare, quasi di affascinare, il suo uditorio. Le sue lezioni di Petrografia e di Geotermia (fu sua, dal 1984, la prima, e per ora unica, cattedra di questa disciplina in Italia) hanno lasciato un segno positivo e indelebile su generazioni di geologi pisani. Ma il massimo livello didattico Giorgio Marinelli lo raggiungeva nell’insegnamento dell’osservazione delle rocce al microscopio polarizzatore. Io credo che di occhi come i suoi sul microscopio non se ne poggino più. Da ogni singola osservazione, pur apparentemente banale o trascurabile, egli era capace di trarre informazioni e deduzioni importanti e di fartene capire le ragioni. Guardare una sezione sottile insieme a Giorgio Marinelli valeva più che studiare a memoria un libro di Ottica Microscopica o di Petrografia Generale. Giorgio Marinelli parlava male l’inglese e lo scriveva peggio. Da qui nasceva una certa insofferenza per la sempre più pesante predominanza del mondo anglosassone nel campo della ricerca nelle Scienze della Terra. Egli invece parlava e scriveva perfettamente il francese, e per la Francia ed i francofoni aveva grand’ammirazione ed apprezzamento, spesso peraltro ricambiati. Dalle Università di Ginevra e di Bruxelles (dove tenne per diversi anni un corso di Giacimenti Minerari) ricevette, infatti, la laurea honoris causa in Ingegneria Mineraria. Ugualmente importanti onorificenze non le ricevette invece in Italia. Giorgio Marinelli era, infatti, una persona scientificamente “scomoda”, poco o punto attento agli equilibri, ai patteggiamenti ed alle ipocrisie del mondo accademico nel quale era cresciuto quasi come un corpo estraneo. Quello che pensava fosse giusto dire, lo diceva in qualsiasi circostanza, spesso con un’aggressività esagerata, che altro non era che il camuffamento palese di una profonda e sostanziale timidezza. Nel campo della ricerca scientifica il contributo di Giorgio Marinelli è stato importante, e forse non sufficientemente apprezzato e valorizzato. L’origine per anatessi crustale dei magmi toscani fu lui a proporla e dimostrarla e fu lui a promuovere le ricerche sul vulcanismo della depressione dell’Afar, sul Mar Rosso e sull’Arco Egeo che hanno portato contributi fondamentali alla comprensione delle relazioni esistenti tra vulcanismo e geodinamica. Ma l’ampiezza culturale, la curiosità e la versatilità scientifiche che erano proprie di Giorgio Marinelli lo portarono ad occuparsi anche di problemi di ricerca applicata: ricerca di Uranio, giacimenti di minerali metallici, caolino, acque minerali. In tutti questi campi, ora più ora meno marcatamente, Giorgio Marinelli ha lasciato un segno innovatore ed originale. Negli ultimi dieci anni di vita il suo interesse principale era diventata la Geotermia. In questo campo egli sviluppò idee nuove e metodologie originali per l’esplorazione dei campi geotermici che furono seguite ed applicate con successo in molte aree, Etiopia, Gibuti, Grecia, Turchia, Indonesia, America Latina.

Giorgio Marinelli ha diritto di essere ricordato come uno dei padri delle moderne Scienze della Terra in Italia.

Per un elenco delle pubblicazioni di Giorgio Marinelli vedere:

Barberi F., Innocenti F. Giorgio Marinelli. Boll.Soc.Geol.It., 114 (1995), 311-318.

Roberto Santacroce

Pisa, 1997



label di un campione di Marinellite della località tipo campione di Marinellite