Autore di pubblicazioni
Specie dedicata
Hall of fame
Universitario
Mineral dealer
Presidente di circolo


Tipo di collezione

Estetica
Sistematica
Nazionale
Regionale/topologica
Singola classe o specie
Altro


Dimensione dei campioni

Cabinet
Miniature
Thumbnail
Micromount

Emilio Bechi

Autore: Delmastro A., Gallo L. M., Pistarino A., Tomalino M. U.

Chimico e mineralogista italiano. Docente di scienze naturali presso l’Istituto Tecnico Toscano di Firenze, fu uno studioso dei soffioni boraciferi della Toscana e dei metodi per la produzione dell’acido borico. Operò anche nello stabilimento Coppi e Hall di Travale (Montieri, Grosseto) dedito allo sfruttamento industriale dei lagoni e soffioni della Bandita. Per primo analizzò il minerale, proveniente dai “lagoni” di Larderello (Pomarance, Pisa). La specie gli fu dedicata da Dana nel 1868. Nei suoi numerosi saggi descrisse inoltre varie mineralizzazioni della zona di Montecatini e di altri siti della Toscana. Fu anche direttore della Regia Stazione Agraria di Firenze, ed in tale veste si occupò di problemi legati alla coltivazione della vite, dell’olivo, del tabacco e delle patate ed all’uso dei concimi chimici. Si dedicò inoltre allo studio di pigmenti per la pittura su vetro ed a ricerche archeologiche sui metalli preistorici. Fu infine membro dell’Accademia della Crusca, dell’Accademia dei Georgofili e membro fondatore dell’Istituto d’Arte di Firenze.