Autore di pubblicazioni
Specie dedicata
Hall of fame
Universitario
Mineral dealer
Presidente di circolo


Tipo di collezione

Estetica
Sistematica
Nazionale
Regionale/topologica
Singola classe o specie
Altro


Dimensione dei campioni

Cabinet
Miniature
Thumbnail
Micromount

Edoardo Sanero

Autore: cv o biografia da internet

Biografia scritta da Mario Galli

Era nato a Torino il 31 maggio 1901, e nella sua città aveva compiuto gli studi ed intrapreso la carriera universitaria. Laureato in Chimica nel 1925, dal 1927 al 1935 fu assistente presso l'Istituto «Germano Somellier IT di Torino, ed in questi anni, sono la guida di Massimo Fenoglio, si formò la sua preparazione scientifica indirizzata alle Scienze della Terra, conclusasi con la libera docenza in Mineralogia conseguita nel 1936.

 La sua preparazione chimica, congiunta a doti di abilissimo sperimentatore, gli permise l'applicazione di nuovi metodi di indagine che il rapido sviluppo delle tecniche offriva ai ricercatori, e fu tra i primi ad usare ed introdurre metodologie che ebbero in seguito vasta applicazione. Come era tradizione e costume in quei tempi, i suoi campi di interesse non furono circoscritti ad una specializzazione che veniva considerata limitante, ma spaziarono dalla mineralogia tradizionale alla petrografia con le relative connessioni geologiche, dalla cristallografia strutturale allora agli inizi, alla giacimentologia.

Ricordiamo solo i lavori sulla kammererite di Locana, sulla datolite e sulla prehnite di M. Loreto, sui granati di Cogne; le ricerche sulla lherzolite di Baldissero, sui porfiroidi di Aosta, lo studio cristallografico di alcune sostanze organiche, quelli sulla blenda di Val· lauria, sui giacimenti di magnesite delle Prealpi piemontesi e sui giacimenti metalliferi del Gran Paradiso. Di pari passo procedeva nel Cursus universitario: dal 1935 al 1936 incaricato di Geochimica e «Mineralogia e Geologia. a Messina; dal 1937 al 1939 di «Mineralogia e Geologia,. a Torino; dal 1939 al 1940 fu incaricato di Mineralogia e direttore dell'omonimo istituto a Cagliari: fu questo un fecondo periodo di maturazione e di intensa attività di ricerca, che si conclude con la vincita di un concorso a cattedra presso l'Università di Messina.

Ma lo scoppio della guerra lo staccò dalla vita universitaria: fu richiamato in servizio come ufficiale di artiglieria, e dovette sopportare una lunga prigionia in Africa. Titolare successivamente di Mineralogia a Palermo e di Petrografia a Torino, dal 1948 fu a Genova, come Professore ordinario e Direttore dell'Istituto di Mineralogia, ed è in questo periodo di quasi cinque lustri che la sua opera si concretò con la formazione di una scuola di ricercatori; ma la sua opera principale fu la ricostruzione dell'Istituto. Ne assunse la direzione nei difficili anni del dopoguerra, in una situazione di estrema povertà di mezzi, di apparecchiature scientifiche, di personale che è ben nota a chi ha vissuto tali periodi. Con appassionata, continua e silenziosa opera riuscì a costruirlo praticamente dal nulla, scelse allievi e collaboratori e seppe infondere in loro amore per la ricerca, li indirizzò e li seguì negli studi; dalla sua scuola prese inizio con vita autonoma l'Istituto di Petrogra6a di Genova. Ebbe ampi riconoscimenti: fu Vicepresidente della S.I.M.P., Socio dell'Accademia Ligure di Scienze e Lettere e dell'Accademia delle Scienze di Torino, Conservatore Onorario del Museo di Storia Naturale di Genova, fu Presidente di Commissioni scientifiche, fu infine insignito della Medaglia d'Oro dci benemeriti della scuola, della cultura, dell'arte. Dalla sua origine piemontese gli vennero le tradizioni di rigore che improntarono la sua vita e la sua opera scientifica: io oggi voglio ricordare il mio Maestro non solo per i suoi meriti di studioso, ma soprattutto per quelli umani, per la sua dedizione al lavoro, la sua onestà scientifica e professionale, la sua signorilità che sono state esempio e guida per tutti i suoi allievi, doti che si manifestavano nella generosità dei giudizi, nel rispetto della personalità dei collaboratori, nei rapporti con loro. Il nome ed il ricordo di Edoardo Sanero rimarranno legati all'Istituto da lui condotto all'autorità di un moderno centro di ricerca, all'affetto dei suoi allievi che hanno avuto in lui una sicura guida ed alla memoria di quanti lo hanno conosciuto.